È giorno fatto - Gianpaolo Demartis

È giorno fatto – Gianpaolo Demartis

Una mostra (molto) personale con sei fotografie di Gianpaolo Demartis. Dal 21 settembre al Nuraghe Lu Naracu di Telti.

Tra la sera del 31 luglio e le 13 del 1 agosto 2021, Gianpaolo Demartis ha seguito la performance di scrittura di Valentina Cei, in occasione del progetto This Must Be ULTRA – Azioni Performative del Sentire, per documentarne i momenti più importanti.

Delle immagini scattate da Demartis, sono stati scelti solo sei scatti con l’intenzione di ridurre all’osso il senso originario del progetto – attraversamento fisico dello spazio tramite la corsa per Claudio Lorenzoni, attraversamento del tempo localizzando fuori di esso una narrazione tramite flusso di coscienza su macchina da scrivere per Valentina Cei – e mostrarne le contrapposizioni di movimento e pausa, forma e contenuto, corpo e macchina, luce e ombra. I confini della performance sono diventati netti solo a giorno fatto, da qui il titolo, estrapolato dal testo di Cei e diventato manifesto della profonda intenzione di definizione e nitidezza che sta dietro la visione del fotografo.

Ne è nata così una mostra, È giorno fatto, che inaugurerà martedì 21 settembre al Nuraghe Lu Naracu di Telti, in provincia di Sassari.

Gianpaolo Demartis vive e lavora in Sardegna. Dieci anni fa ha fondato la Libera Scuola di Erboristeria Popolare Sarda Calarighe, tramite cui ricerca e diffonde le pratiche di medicina popolare che sopravvivono sul territorio, connotandone l’identità profonda.

È giorno fatto: il testo critico di Valentina Cei

Fa fotografia chi prende un dettaglio e lo rende contesto.Fa fotografia chi racconta una storia senza usare le parole, senza essere usato da loro: chi lascia le cose come stanno.

Fa fotografia chi guarda, chi osserva, chi coglie netti i confini e dall’esterno sa arrivare dentro, a pescare l’invisibile.

Ti tuffi, tieni il respiro, afferri l’ostrica, risali: hai la perla, solo devi estrarla dalla sua zona di comfort.

compensazione dell’esposizione
compressioni alte luci
livello di nero

Fotografare una performance di scrittura è raccontare la nascita di una storia: devi prendere chi scrive, metterlo in un posto dove scrivere, seguirlo mentre scrive, sbirciare cosa scrive.

Ma chi fa fotografia, vuole andare dentro: vuole mostrare perché, quello, scrive.

E il perché se lo rigira tra uno sguardo e l’altro

compensazione dell’esposizione
compressioni alte luci
livello di nero

finché non ne comprende e svela le quattro filosofiche forme.

Così chi fotografava e c’era, ha visto che ho scritto perché sono stata invitata a farlo dall’esca pavesiana, che ha agganciato le mie voci interiori

E ha visto che ho scritto per prendere posto nel mondo: dal buio alla luce, da dentro a fuori, per uscire dal regno perfetto in cui nulla può accadere

Chi ha fotografato e c’era, ha visto che ho scritto perché avevo la materia prima: carta, inchiostro e dita.

Chi ha fotografato e c’era, ha visto i pensieri scuotersi e scuotermi e li ha tradotti in sussulto di fogli e vene che pulsano, ferme.

Chi fa fotografia, deve per forza guardare, poter guardare e saperlo fare. Ma deve anche accettare il ritorno di questo, se vuole farla davvero, la fotografia: è vero che si guarda per essere guardati.

compensazione dell’esposizione
compressioni alte luci
livello di nero

Info e contatti

È giorno fatto
Una mostra (molto) personale con sei fotografie di Gianpaolo Demartis

Inaugurazione: martedì 21 settembre 2021, ore 18.30

Nuraghe Lu Naracu Putzolu
Strada Statale 127 Settentrionale Sarda, 200
Telti (Sassari)

Per info e prenotazioni: +39 347 769 7561

La mostra è realizzata con il patrocinio del Museo a Cielo Aperto di Camo e della Fondazione Cesare Pavese e rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 17 ottobre 2021.

Condividi l’articolo

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email

Notizie correlate

Un'ultra maratona in solitaria e un dialogo a distanza per ricordare Cesare Pavese, da Torino a Santo Stefano Belbo.
THIS MUST BE THE PLACE Azioni performative del sentire   Quando: 26/9/2020 h. 19,26 Dove: Santo Stefano Belbo | CN Chi: Jimmy Rivoltella | Silvia Pastore | Velentina Cei | Davide Fasolo a cura di:...
In questi ultimi anni le residenze artistiche del Museo di Camo hanno avuto come base l’idea che sfidare la consueta percezione del fare Arte, integrandola nella vita quotidiana, attraverso scenari non convenzionali in grado di...
KARNOWSKI INDAGINE ARTISTICA SUI SENSI MINORI 4 agosto 2019 ore 10.30  PINACOTECA CIVICA “Nodi che vengono al pettine: c’è un mondo da cui fanno avanti e indietro le storie prima che una porta si apra...
#COSTRUZIONI2019 Artisti in Residenza Grand Opening 4 agosto 2019 h. 9 Museo a cielo aperto di Camo, Santo Stefano Belbo (CN) Andrea Ravo Mattoni, Marco Albino La Gattuta, Giovanni Manzo, Isabella Trucco, Eleonora Pellegri, Jimmy Rivoltella,Adriano Zanni, Sabine Korth, Valentina Cei, Pamela Fantinato, Alberto Brusa, Tatiana...
  PrimaVeraRegia2019 Arte Poesia Suoni Performance 13-14 aprile 2019 Camo (CN) Frazione Santo Stefano Belbo (CN) Sedi varie Museo a cielo aperto di Camo info: 0141840100 museoacieloapertodicamo.it     La primavera è per antonomasia la...

Indirizzo: Piazza Municipio
Città: Camo
Area: Cuneo
Regione: Piemonte
CAP: 12050
Paese: Italy

+39 014 1840100
info@museoacieloapertodicamo.it
www.museoacieloapertodicamo.it
CURATORE Claudio Lorenzoni