Enrica Campi

Chi è Enrica Campi?

Nasco in Val di Susa ma per civetteria non vi dico quando, poiché alcune persone mi dicono dimostrare meno anni! Vivo a Borgone accudita amorevolmente da mamma Cecilia (valsusina e commerciante) e papà Peppino (casertano e poliziotto della stradale).
A quattordici anni inizio la mia assonnata vita da pendolare: Borgone-Torino, perché frequento il primo liceo artistico di Torino ed in seguito l’Accademia di belle Arti: indirizzo “scenografia”.

L’Accademia il centro del tuo mondo?

Qui due incontri fondamentali: il grande professore Gianrenzo Morteo docente di storia del teatro, traduttore e amico del commediografo francese Eugene Jonesco, nonché uomo dotato di grande senso dello humor; e… il mio futuro… tutto: Massimo Voghera (compagno di scuola, collega, marito, colf, badante ecc…ecc…) .

I tuoi sogni?

Finita l’accademia volevo naturalmente lavorare in teatro, avendo scelto di studiare scenografia, e per parecchi anni ho esercitato questo mestiere, soprattutto come realizzatrice al Teatro Stabile di Torino. Dopo aver “papponato” qualche Km quadrato di quinte e affettato ed ignifugato altri Km di “catinelle”, ho capito di aver imparato quello che c’era da imparare nel campo della realizzazione (vi lascio nella curiosità di scoprire cosa sono il “pappone” e le “catinelle”). Per continuare la mia carriera da scenografa che passa dalla utile gavetta della realizzazione, alla più gratificante carriera di scenografa che progetta le scene, avrei dovuto geneticamente essere fornita di due indispensabili caratteristiche: spirito nomade e faccia tosta! Ma ne sono sprovvista e quindi… frustrazione.
Poi… mania di onnipotenza. Io non solo progetto la scenografia, i costumi le luci ma anche gli attori, ECCO!!!
Costruisco così una ventina di teatrini e grazie ad un angelo (atipico) che si chiama Emilio Gargione, faccio la mia prima vera mostra alla Galleria-Libreria Dantesca Fogola a Torino.
Il gentilissimo Alfonso Cipolla (docente, giornalista e collezionista di burattini) mi scrive una bellissima presentazione e i miei lavori gli piacciono e mi propone di fare una mostra a Parigi al centro di cultura italo-francese… non ci posso credere!!!

Cosa hai fatto in questi anni?

Per una decina di anni ho collaborato con il Teatro Stabile di Torino ho avuto l’opportunità di lavorare con molti direttori artistici quali: Missiroli, Gregoretti, Davico Bonino, Lavia, Ronconi. Il mio ruolo è stato di assistente scenografa, assistente costumista e scenografa realizzatrice. Ho lavorato come “scenografa a 360°” (ideazione, progettazione, realizzazione) con alcune compagnie teatrali piemontesi come: Assemblea Teatro, Associazione via Artisti Teatro, Gran Badò, Torino Spettacoli di Mesturino, il Mago povero, Arturo Brachetti.

I teatrini, dicci qualcosa di più!

Uno dei materiali usati per questi teatrini è la creta, materiale molto affascinane, decido che devo conoscerla un po’ meglio; ho la fortuna di incontrare uno dei più bravi ceramisti oggi in Italia che vive tra Torino e Roma: Luca Tripaldi (un mito).
Nel frattempo io e il mio tutto mettiamo al mondo “Ilaria” decisamente l’opera per così dire “a quattro mani” che ci è riuscita meglio!!

 

Per vederne di più…

Condividi l’articolo

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email

Notizie correlate

Una mostra (molto) personale con sei fotografie di Gianpaolo Demartis. Dal 21 settembre al Nuraghe Lu Naracu di Telti.
THIS MUST BE THE PLACE Azioni performative del sentire   Quando: 26/9/2020 h. 19,26 Dove: Santo Stefano Belbo | CN Chi: Jimmy Rivoltella | Silvia Pastore | Velentina Cei | Davide Fasolo a cura di:...
In questi ultimi anni le residenze artistiche del Museo di Camo hanno avuto come base l’idea che sfidare la consueta percezione del fare Arte, integrandola nella vita quotidiana, attraverso scenari non convenzionali in grado di...
KARNOWSKI INDAGINE ARTISTICA SUI SENSI MINORI 4 agosto 2019 ore 10.30  PINACOTECA CIVICA “Nodi che vengono al pettine: c’è un mondo da cui fanno avanti e indietro le storie prima che una porta si apra...
#COSTRUZIONI2019 Artisti in Residenza Grand Opening 4 agosto 2019 h. 9 Museo a cielo aperto di Camo, Santo Stefano Belbo (CN) Andrea Ravo Mattoni, Marco Albino La Gattuta, Giovanni Manzo, Isabella Trucco, Eleonora Pellegri, Jimmy Rivoltella,Adriano Zanni, Sabine Korth, Valentina Cei, Pamela Fantinato, Alberto Brusa, Tatiana...
  PrimaVeraRegia2019 Arte Poesia Suoni Performance 13-14 aprile 2019 Camo (CN) Frazione Santo Stefano Belbo (CN) Sedi varie Museo a cielo aperto di Camo info: 0141840100 museoacieloapertodicamo.it     La primavera è per antonomasia la...

Indirizzo: Piazza Municipio
Città: Camo
Area: Cuneo
Regione: Piemonte
CAP: 12050
Paese: Italy

+39 014 1840100
info@museoacieloapertodicamo.it
www.museoacieloapertodicamo.it
CURATORE Claudio Lorenzoni