Maria Antonietta Macciocu

Maria Antonietta Macciocu è nata a Sassari nel 1946, dove ha frequentato il liceo classico “Azuni”.

Iscrittasi a lettere moderne presso l’Università di Cagliari, ha preparato a Milano la tesi di laurea su “Giorgio Strehler e il Piccolo Teatro”, successivamente tradotta e pubblicata in francese sui numeri 12/13 dei “Cahiers Théatre Louvain”.

Ha insegnato lettere in Sardegna e in Lombardia, prima di trasferirsi definitivamente a Torino, dove vive dal 1974.

A Torino, dopo anni di insegnamento nelle periferie industriali, dove è venuta a contatto con i problemi conseguenti all’immigrazione meridionale, ha lavorato fino a tre anni fa presso la scuola media del Conservatorio, di cui è stata anche reggente per cinque anni.

Al Conservatorio, ha avuto modo di soddisfare il suo amore per lo spettacolo e per la musica, partecipando continuativamente alle attività del teatro Regio, come “La scuola all’Opera” e le attività didattiche e di laboratorio collegate agli spettacoli.

Appassionata di poesia, ha tenuto per i ragazzi laboratori di espressione poetica, scoprendo in sé un’attitudine alla poesia che l’ha portata a pubblicare nell’aprile del 2010, con la casa editrice “Mediando” di Sassari, “Amore che non tocca”, libro di poesie sulla Sardegna. La lontananza infatti non ha scalfito l’amore per la sua terra né tanto meno l’attenzione per i problemi che la riguardano.

Sempre nell’aprile 2010, tre sue poesie sono state selezionate e pubblicate nell’antologia “Chorus”, edita da Ibiskos.

Nel 2002 ha collaborato come free lance alla rivista romana “Inoltre”.

Dal 2007 fa parte dell’associazione torinese “Donne per la difesa della società civile”, per i tipi della quale scrive poesie, memorie e riflessioni di politica e di costume.

“Petalie” segna il suo esordio nella narrativa.

Condividi l’articolo

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email

Notizie correlate

Una mostra (molto) personale con sei fotografie di Gianpaolo Demartis. Dal 21 settembre al Nuraghe Lu Naracu di Telti.
THIS MUST BE THE PLACE Azioni performative del sentire   Quando: 26/9/2020 h. 19,26 Dove: Santo Stefano Belbo | CN Chi: Jimmy Rivoltella | Silvia Pastore | Velentina Cei | Davide Fasolo a cura di:...
In questi ultimi anni le residenze artistiche del Museo di Camo hanno avuto come base l’idea che sfidare la consueta percezione del fare Arte, integrandola nella vita quotidiana, attraverso scenari non convenzionali in grado di...
KARNOWSKI INDAGINE ARTISTICA SUI SENSI MINORI 4 agosto 2019 ore 10.30  PINACOTECA CIVICA “Nodi che vengono al pettine: c’è un mondo da cui fanno avanti e indietro le storie prima che una porta si apra...
#COSTRUZIONI2019 Artisti in Residenza Grand Opening 4 agosto 2019 h. 9 Museo a cielo aperto di Camo, Santo Stefano Belbo (CN) Andrea Ravo Mattoni, Marco Albino La Gattuta, Giovanni Manzo, Isabella Trucco, Eleonora Pellegri, Jimmy Rivoltella,Adriano Zanni, Sabine Korth, Valentina Cei, Pamela Fantinato, Alberto Brusa, Tatiana...
  PrimaVeraRegia2019 Arte Poesia Suoni Performance 13-14 aprile 2019 Camo (CN) Frazione Santo Stefano Belbo (CN) Sedi varie Museo a cielo aperto di Camo info: 0141840100 museoacieloapertodicamo.it     La primavera è per antonomasia la...

Indirizzo: Piazza Municipio
Città: Camo
Area: Cuneo
Regione: Piemonte
CAP: 12050
Paese: Italy

+39 014 1840100
info@museoacieloapertodicamo.it
www.museoacieloapertodicamo.it
CURATORE Claudio Lorenzoni