Michele D.R.

Dicci chi sei, cosa fai nella vita di persona e nella vita di artista e come mai sei qui.

Mi chiamo Michele D.R., dall’età di 16 anni ho iniziato a lavorare in teatro prima come attore, poi scenotecnico, macchinista teatrale, fotografo e tutt’ora disegnatore luci e fonico all’occorrenza. Come artista porto avanti lo studio del disegno a occhi chiusi e il disegno a sguardo periferico, partecipando a più collettive possibili per confrontarmi e approfondire la metodologia del lavoro per far conoscere le mie ricerche e conoscere quelle di altri. Partecipo al MCA perché credo che l’arte debba respirare un’aria nuova per sopravvivere e penso che col MCA si possa fare un bel passo avanti nel riscoprire luoghi in cui far vivere ciò che normalmente è destinato alle gallerie, musei o case di collezionisti.

Presentati con un’opera d’arte del passato di qualche grande (o non grande) artista, e dicci il perché.

E’ difficile scegliere, ed è crudele pensare che un’opera mi presenta meglio di un’altra. Ogni opera che ho visto e vissuto dei grandi, e non, mi ha dato qualcosa. Tuttavia ce n’e uno più di altri, forse perché è stato il primo a cui mi sono approcciato, ed è Leonardo Da Vinci che con i suoi studi sul disegno mi ha regalato la passione per il disegno puro. Adoro tutti i suoi carboncini ma quello che preferisco è lo “studio di mani” per la sua freschezza ed espressività che nonostante i secoli continua a brillare di una vita propria.

La cosa che non sopporti e la cosa che ami nel mondo dell’arte.

Non sopporto tutte le sue contraddizioni ma soprattutto non poterci vivere. Amo il suo futuro così incerto ma anche ricco di sorprese.

La persona o l’evento che ti ha cambiato la vita (a livello artistico).

Le prime mostre che ho fatto, mi hanno fatto capire quanto sia importante l’aspetto formale

Hai già visto Camo? Che impressione ti ha fatto?

Solo in foto. E’ una città piccola, pulita e non in pianura: già mi piace!

La tua opera biglietto da visita.

Allego un ritratto, disegno a sguardo periferico di Edward Hopper.

Museo a Cielo aperto. Come lo vedi il cielo sopra il progetto? 

Mutevole come il cielo sopra l’arte.

Anteprima sul tuo lavoro che esporrai?

Tavola a olio di una veduta a sguardo periferico.

Cosa saresti  se non avessi fatto l’artista?

Ricco e infelice.

 

Per vederne di più…

Condividi l’articolo

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email

Notizie correlate

Una mostra (molto) personale con sei fotografie di Gianpaolo Demartis. Dal 21 settembre al Nuraghe Lu Naracu di Telti.
THIS MUST BE THE PLACE Azioni performative del sentire   Quando: 26/9/2020 h. 19,26 Dove: Santo Stefano Belbo | CN Chi: Jimmy Rivoltella | Silvia Pastore | Velentina Cei | Davide Fasolo a cura di:...
In questi ultimi anni le residenze artistiche del Museo di Camo hanno avuto come base l’idea che sfidare la consueta percezione del fare Arte, integrandola nella vita quotidiana, attraverso scenari non convenzionali in grado di...
KARNOWSKI INDAGINE ARTISTICA SUI SENSI MINORI 4 agosto 2019 ore 10.30  PINACOTECA CIVICA “Nodi che vengono al pettine: c’è un mondo da cui fanno avanti e indietro le storie prima che una porta si apra...
#COSTRUZIONI2019 Artisti in Residenza Grand Opening 4 agosto 2019 h. 9 Museo a cielo aperto di Camo, Santo Stefano Belbo (CN) Andrea Ravo Mattoni, Marco Albino La Gattuta, Giovanni Manzo, Isabella Trucco, Eleonora Pellegri, Jimmy Rivoltella,Adriano Zanni, Sabine Korth, Valentina Cei, Pamela Fantinato, Alberto Brusa, Tatiana...
  PrimaVeraRegia2019 Arte Poesia Suoni Performance 13-14 aprile 2019 Camo (CN) Frazione Santo Stefano Belbo (CN) Sedi varie Museo a cielo aperto di Camo info: 0141840100 museoacieloapertodicamo.it     La primavera è per antonomasia la...

Indirizzo: Piazza Municipio
Città: Camo
Area: Cuneo
Regione: Piemonte
CAP: 12050
Paese: Italy

+39 014 1840100
info@museoacieloapertodicamo.it
www.museoacieloapertodicamo.it
CURATORE Claudio Lorenzoni