Stefano Simone

Dicci chi sei, cosa fai nella vita di persona e nella vita di artista e come mai sei qui.

Mi chiamo Stefano Simone, mi piace l’idea di un museo all’aperto e fuori dagli schemi istituzionali, dai centri cittadini e dai ritmi frenetici che li caratterizzano. Parallelamente al lavoro in studio da tempo coltivo l’interesse per la realizzazione di opere d’arte pubblica; sono opere di forte impatto comunicativo e rispetto al dipinto realizzato in studio consentono di lavorare su diverse soluzioni espressive dialogando con il territorio circostante. Per Camo presenterò un dipinto di medio-grandi dimensioni realizzato sul posto.
Nella vita lavoro come operatore didattico in un museo.
Presentati con un’opera d’arte del passato di qualche grande (o non grande) artista e perché.

Un artista del passato a cui penso spesso è William Turner, in particolar modo alle opere più recenti e alla sua capacità di astrarre, di perdere i dettagli e sintetizzare la rappresentazione della realtà rendendo tutti gli effetti atmosferici.

La cosa che non sopporti e la cosa che ami nel mondo dell’arte.

Non sopporto tutto ciò che all’interno del complesso sistema dell’arte lo rende finto, corrotto ed elitario.

La persona o l’evento che ti ha cambiato la vita (a livello artistico)

Non c’è una persona in particolare, diverse esperienze hanno contribuito a far crescere il mio interesse per l’arte. Come tanti altri ho condotto studi artistici e in parallelo partecipato ad esposizioni, premi e gran parte dei progetti sono nati dalla collaborazione con i miei insegnanti. Prima ancora del Liceo e dell’Accademia ho avuto la fortuna di potermi confrontare quotidianamente con mio padre, anche lui pittore e lavorare come aiutante per alcuni artisti. Credo che per un artista sia importante il confronto con gli altri “addetti ai lavori” e nel mio caso è stato fondamentale aver conosciuto due grandi pittori contemporanei come Alessandro Papetti e Nicola Samorì da sempre miei “idoli”.

Hai già visto Camo? Che impressione ti ha fatto?

Ho visto Camo solo in foto e mi basta per capire che si tratta di un bel posto.

La tua opera biglietto da visita.

Rottami – tecnica mista su tela cm140x140

Condividi l’articolo

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email

Notizie correlate

Una mostra (molto) personale con sei fotografie di Gianpaolo Demartis. Dal 21 settembre al Nuraghe Lu Naracu di Telti.
THIS MUST BE THE PLACE Azioni performative del sentire   Quando: 26/9/2020 h. 19,26 Dove: Santo Stefano Belbo | CN Chi: Jimmy Rivoltella | Silvia Pastore | Velentina Cei | Davide Fasolo a cura di:...
In questi ultimi anni le residenze artistiche del Museo di Camo hanno avuto come base l’idea che sfidare la consueta percezione del fare Arte, integrandola nella vita quotidiana, attraverso scenari non convenzionali in grado di...
KARNOWSKI INDAGINE ARTISTICA SUI SENSI MINORI 4 agosto 2019 ore 10.30  PINACOTECA CIVICA “Nodi che vengono al pettine: c’è un mondo da cui fanno avanti e indietro le storie prima che una porta si apra...
#COSTRUZIONI2019 Artisti in Residenza Grand Opening 4 agosto 2019 h. 9 Museo a cielo aperto di Camo, Santo Stefano Belbo (CN) Andrea Ravo Mattoni, Marco Albino La Gattuta, Giovanni Manzo, Isabella Trucco, Eleonora Pellegri, Jimmy Rivoltella,Adriano Zanni, Sabine Korth, Valentina Cei, Pamela Fantinato, Alberto Brusa, Tatiana...
  PrimaVeraRegia2019 Arte Poesia Suoni Performance 13-14 aprile 2019 Camo (CN) Frazione Santo Stefano Belbo (CN) Sedi varie Museo a cielo aperto di Camo info: 0141840100 museoacieloapertodicamo.it     La primavera è per antonomasia la...

Indirizzo: Piazza Municipio
Città: Camo
Area: Cuneo
Regione: Piemonte
CAP: 12050
Paese: Italy

+39 014 1840100
info@museoacieloapertodicamo.it
www.museoacieloapertodicamo.it
CURATORE Claudio Lorenzoni